L’occhio, la Vista e i Fiori di Bach

L’Iridologia è una pratica antichissima, già in uso nella civiltà egizia, poi, presso popoli orientali. È un sistema di diagnosi molto efficace, immediato e semplice, con il quale il medico cinese o quello ayurvedico, potevano rendersi conto del reale stato di salute delle persone. Un bravo iridologo olistico era quello in grado di capire l’individuo e le sue distonie, i suoi squilibri, attraverso l’esame di pochi segni. Spesso questi terapeuti del passato, erano anche in grado di inquadrare la persona, semplicemente analizzando i segni del volto, il suo colorito, la postura, i gesti e il modo di parlare, la pianta del piede, con le sue rughe, screpolature, il colore, l’analisi della mano, testando i punti in cui faceva male, insomma, conoscevano un sistema olistico, in cui l’iridologia rappresentava la diagnosi principale, affiancata da tutto il resto.

Nell’iride possiamo trovare OLOS, il tutto.

Si considera l’occhio come se fosse una cellula, quindi un organismo completo. L’occhio ci permette di cogliere l’essere umano nella sua totalità.

Nel percorso degli studi che ho fatto, ogni materia riporta alla lettura degli occhi, come fossero in proprio Diario di una vita. Le persone possono indossare maschere sorridenti ma gli occhi non mentono mai.

La mia ricerca è partita durante la specializzazione in Floriterapia, dalle parole di Bach ho compreso come il vissuto ci porti a nasconderci dietro barriere di protezione, ma negli occhi possiamo leggere ciò che siamo e da che stiamo fuggendo, tutte le emozioni vengono trasmesse attraverso gli occhi, in un percorso che a volte dura anni, come a mettere una goccia dopo l’altra nella nostra anfora e quando straripa abbiamo problemi alla vista.

La Ri-Educazione visiva è un percorso che abbraccia la natura interna delle persone aiutandole a Vedersi meglio e a imparare a Guardarsi dentro.

Nei suoi studi, Edward Bach individuando le varie personalità, analizza le varianti di ognuna di loro fino ad associare problematiche fisiche direttamente collegate al proprio modo di essere ( divenuti).

Nell’Iridologia Psicosomatica associata ai Fiori di Bach può emergere da una persona che soffre di Miopia, una persona che ha subito offese, delusioni, rifiuti, distacchi e tutto ciò rimane “CHIUSO” negli occhi. Si sviluppa così l’emozione della Paura di chi non vuole proiettarsi all’esterno, maturando timidezza e introversione.

Nel soggetto Ipermetrope troviamo l’esatto contrario, l’emozione è l’Ansia, di darsi, di trasmettere, del tempo che corre, ma anche un gettare la tanta energia fuori da sé.

Ci sono tante varianti che ritroviamo nella nostra vista e i Fiori di Bach vengono, come sempre, in nostro aiuto. I colliri con i Fiori di Bach !

Per info, scrivetemi =) Namastè

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...